Pagine

venerdì 5 novembre 2010

Aò, ma quanti siete?

Puntuale come l'influenza ai primi di novembre arriva la classica telefonata di mia madre: come ci organizziamo per Natale?
Qualcuno potrebbe pensare che si tratti del solito accordo natalizio tra famiglie, quest anno da te a Natale, il 26 dai suoceri, e viceversa l'anno successivo.
Magari.
Ma magari veramente, vi giuro.
Ora, forse qualcuno di voi sa che la nostra non è una famiglia allargata, di più, ma molto di più.
Siamo una grande, grossa famiglia dilatata, ipertrofica, sbragata direi.
I miei genitori sono separati.
I genitori del maritozzo sono separati.
E già qui sarebbe un bel bordello.
In più, a Natale, si uniscono al turn over anche la figlia del mio patrigno, che vive in Francia e sta con un ragazzo a sua volta figlio di separati.
Quindi, in 3 giorni di festa dobbiamo riuscire a coordinare 6 famiglie dislocate a casaccio tra la Francia e il nord Italia. E non oso pensare a quando le mie 3 sorelle e i 3 fratelli del maritozzo saranno accasati e richiederanno cene e pranzi a casa loro o dei consorti.
Dovremo procurarci un software aziendale per la gestione dei turni.
Ogni anno finisce allo stesso modo: quintali di roba mangiata, centinaia di chilometri percorsi, tonnellate di regali stipati nel bagagliaio.
Già, anche per i regali ci vorrebbe uno staff di aiutanti, per pensarli, comprarli, impacchettarli e suddividerli per famiglia.
Contando solo il parentado di primo grado bisogna pensare a un totale di 18 persone.
Primo grado, eh.
Poi ci sono gli amici stretti.
Grazie al cielo zii e cugini sono lontanerrimi e non rientrano nella rosa dei regalabili.
Insomma: non è che non sopporto il Natale, è che ogni anno la macchina organizzativa è sempre più farraginosa e io sempre più fiacca.
Argh.

9 commenti:

  1. Qua necessita un Christmas-manager che, agenda e albero genealogico alla mano, organizzi il tour de force delle festività...

    Anche qui, comunque, abbiamo il nostro bel daffare, in presenza di folto parentado (da parte del consorte). Così la mammà (mia suocera) ci divide, per il pranzo conviviale, in due turni, quello di Natale ed il successivo di Capodanno.
    Ecco, noi siamo del turno B...

    RispondiElimina
  2. @ Cautelosa: non sai quante volte ho sognato di partire per Natale, con la scusa che il viaggio costerebbe pichissimo sogno di volare alle isole Marchesi, o alle Maldive, insomma in capo al mondo. Figuriamoci, non ne ho mai avuto il coraggio. Ora, con il Topolo, rischierei il linciaggio ;))

    RispondiElimina
  3. mi hai quasi risollevato il morale, che noi siamo solo una ventina. aaaagh! il natale!!

    RispondiElimina
  4. Non abbandonare il tuo sogno! Tienilo lì per quando Topolo e Topoletto saranno in grado di seguirvi apprezzando il cambio di atmosfera...
    E intanto porta pazienza...
    Comunque, è duro cancellare il Natale.
    Non ci siamo ancora riusciti neppure noi, che abbiamo figli ultra-autosufficienti... Le due volte che siamo partiti (due, sottolineo) è stato il 26 o il 27. Post 'pranzone' familiare, insomma, ché il consorte è il cuoco oramai titolato...

    RispondiElimina
  5. Proposta: ma perchè il viaggio in capo al mondo... non lo fate tutti insieme? Così tutti vedono il Topolo&co a Natale e potete approfittare dello scontone per gruppissimi. :-)

    RispondiElimina
  6. @Cautelosa: insomma, anche voi siete partiti solo 2 volte, non mi consoli granchè! Pazienza, aspetterò tempi migliori ;))

    @ Maq: dici bene "quasi"...il morale per natale è irrisollevabile!

    @ Gioia: ah! ma che ideona! tutti insieme sul torpedone e viaaa!!! Insomma, non era proprio questo che intendevo ;)))

    RispondiElimina
  7. coraggio, cara, passerà! bacioni s.

    RispondiElimina
  8. Tao, ma hai una scusa formidabile: sei incinta e non ce la fai!!!! allora per quest'anno demanda ad altri l'organizzazione, semmai ti proponi per portare qualcosa da mangiare, un giorno da una parte e un giorno dall'altra, dove ti chiamano..
    Ma solo per quest'anno.... e quando ti capita più l'occasione!!!!
    Tea

    RispondiElimina
  9. @ Tea: eheheheh!!! Ma devi sapere che quest' anno ci muoviamo noi proprio perchè sono incinta! Dall'anno prossimo, che sarà nato anche fagiolino, non ci muoviamo più da casa neanche con le cannonate! E, bada bene, porteranno tutto gli altri ;)))))

    RispondiElimina

Ha detto la sua