Pagine

mercoledì 28 dicembre 2011

Piccoli maschi crescono

Più conosco il mio primogenito e più, a dire la verità, non so se vorrei essere sua amica in un'ipotetica vita in cui non sono sua madre.
E' un tipo, come dire, un po' voltagabbana, tanto per usare un eufemismo.
Per esempio il modo in cui ha trattato il povero albero di natale è degno di nota.
Abbiamo addobbato il nuovissimo albero in plastica con tutti i crismi e gli ameniccoli del caso. Ha voluto personalmente appendere tutte le 150 palline con le sue manine; ha infilato il puntale qualcosa come 15 volte prima di essere soddisfatto.
Poi ha messo le luci. Ha variato la frequenza e il tipo di illuminazione dei led una ventina di volte. Ogni giorno accendeva le luci e guardava il "suo" albero con occhi luccicanti mormorando tra sè "ttale, ttale, bello ttale" (ah, Natale! Che bello il Natale).
Ogni sera spegneva le luci dell'albero prima di andare a dormire e accarezzava la pallina rossa, quella più grande, augurandogli la buona notte. Quando il Ciccionetto leccava le palline fino a scolorirle (ehm!) oppure ciucciava i led delle luci senza ritegno lo redarguiva aspramente e rimetteva al loro posto gli addobbi, con una carezza.
Eppure.
Dopo 19 giorni di albero io e l'inge, stremati dall'ingombrante presenza (e preoccupati per la lingua pericolosamente sbarluccicante del Ciccionetto) abbiamo deciso di disfarlo.
Abbiamo vigliaccamente approfittato di un sonnellino del Topolo per smontare l'accrocchio e riportare il salotto alla disposizione originaria.
Il tutto di fretta e con il terrore timore che al suo risveglio il nostro principino avrebbe scatenato l'inferno e preteso la ricostruzione dell'addobbato arbusto.
Mbè. 
Non ci crederete ma sono 3 giorni che l'albero non c'è più e non se n'è neanche accorto. Non una parola, un cenno, un segno di riconoscimento, una lacrima, una protesta.
Niente.
I casi sono due: o ho in casa un attore nato oppure è assolutamente, totalmente, inguaribilmente infedele.
Voi che ne pensate?

9 commenti:

  1. Direi che vi è andata di lusso. Il Topolo avrebbe potuto pretendere, con 'speciali' strategie da guerriglia casalinga, il ritorno dell'amico-albero e la sua permanenza in loco fino alla vigilia di Pasqua...
    Scherzi a parte, probabilmente il vostro erede è subito rientrato nella normalità dei 365-19 giorni senza albero in salotto.
    Ciao!

    RispondiElimina
  2. @ Caute: a tutt'oggi (giorno 5) non ha ancora commentato niente, mi sa che ha la capacità di osservazione di un blocco di travertino ;)) Oppure, come dici tu, 365 vs 19... vince 365!
    Ciao e auguri

    RispondiElimina
  3. forse ha rimosso, o forse e' un maschio...auguri!

    RispondiElimina
  4. @ Patamà: ehehehe... l'avrei scritto io che era un maschio ma mi sembrava eccessivo!!!!

    RispondiElimina
  5. Ciao sono passata ad augurarti buon anno

    RispondiElimina
  6. @ CioccoMamma: grazie per essere passata, tanti auguri anche a te!

    RispondiElimina
  7. Luci mena, luci mena.... In pieno agosto il nonno Nanni riaccese le lucine dell'albero di Natale a una certa Maddalena.... Moooolto diversa da tuo figlio neh?! Lella

    RispondiElimina

Ha detto la sua