Pagine

domenica 12 febbraio 2012

Prima o poi...

Un pomeriggio qualunque, a casa dei Campagnoli.
Diego e Dora (quelli veri, non i polli) scorazzano per lo schermo, blaterando di non so quale bestia da salvare in un inglese tragico che mi vengono le vene varicose solo a sentirlo, io sono incerta se soffocarmi ingoiando una rana di peluche o stordirmi ingoiando un barattolo di Didò quando, ad un tratto, il Topolo parla:
- " Io pancia picco-a. Tu mamma pancia gaaadde. Io Bblele 'scito da pancia picco-a. Tu mamma gaaade pancia" (Vedi mamma, pensavo questo: che siccome sono piccolo sono uscito dalla mia pancia, che è piccola, mentre tu, che sei sei grande sei uscita da una pancia grande)
- "Ehm, Gabri, anche tu sei uscito dalla mia pancia, eri piccolo piccolo" (non ti sei auto-partorito, amore di mamma)
- "E Iieo?"
- "Anche Leo. Prima tu, poi Leo"
- "Io picco-o picco-o.... Ora gaaaadde. Mamma, io pancia. Posho?"
- "No, amore, non puoi tornare nella pancia... Ora sei troppo grande" ( "L'ultima volta che sono entrato in una donna è stato quando ho visitato la Statua della Libertà" - Woody Allen dixit)
- "Mamma, buio pancia?"
- "Sì pippi, fa buio nella pancia"
- "Mamma, appi, io vuole ddeie" ( e apri un po 'sta pancia, che non ci vedo chiaro in questa faccenda!)
- "Non si può vedere e poi non posso aprire la pancia! Ma non starai mica pensando che sei uscito dalla pancia?"
- ??????? (occhi sbarrati)
- "Tu eri nella pancia ma non sei uscito dalla pancia" (ma bravaaaaaa, e ora come ne esci?!)
- ??????? (occhi sbarrati)
- "Tu eri qui, tutto rotondo e rannicchiato, ma poi per uscire sei sceso giù... giù... e poi sei uscito da qua sotto" ( sudo... ma vado avanti spavalda)
- "Mamma, ddeie!!!" (a mà, e famme un po' vedere!)
Mi afferra i pantaloni e cerca di tirarmeli giù!
- "Guarda pippi, ora non si può vedere, anche perchè Diego sta salvando il delfino di fiume e non possiamo assolutamente perderci il finale... poi dopo in doccia ti faccio vedere".
Salvata in corner.
Inutile dire che son 3 giorni che non mi lavo.
E pazienza, tanto fa così freddo che con tutti questi strati non se ne accorge nessuno.


8 commenti:

  1. Ahahah oddio! Se foste qui da noi avresti la scusa che non hai l'acqua calda (fino a domani, perchè domani vengono a riparare il boiler, VERO? devo fare la tinta!!!) ...ma lì prima o poi ti tocca la lezione di educazione shesshuale in the shower, non ti salvi.

    RispondiElimina
  2. @ Castagna: perchè, dov'è scritto che mi devo fare la doccia?!? In ogni caso è tempo che io abbia la mia privacy, eccheccavolo!

    RispondiElimina
  3. Potresti fargli vedere quel bel programmino sul reparto maternità di Bologna ... :)

    RispondiElimina
  4. @ Anonimo: uhm... è vero! avevo anche delle videocassette intitolate "L'albero della vita" ma non ho più il videoregistratore su cui vederle! (aaarghhh ma sono così vechhia?!?)Ciao

    RispondiElimina
  5. Tu eri nella pancia ma non sei uscito dalla pancia...
    sembra un indovinello!
    ecco un vantaggio del parto cesareo: abbassarsi un pochino i pantaloni e poter dire "siete uscite...da qui!" :-)

    RispondiElimina
  6. @ Maq: esatto... proprio un indovinello! Cmq nel frattempo ho fatto la doccia e ho spiegato tutto quanto. Che dire. Mi sa che dovrò dare ripetizioni ;))))) Ciao!

    RispondiElimina
  7. grandissima! per fortuna per ora qui ci stiamo accontentando del "vieni da qui dentro! :)

    RispondiElimina
  8. @ Silvietta: eh... magari essere ancora lì... occhio a non abbassare la guardia! Ciao Mdd

    RispondiElimina

Ha detto la sua