Pagine

mercoledì 1 febbraio 2012

Neve: istruzioni per l'uso

A 5 anni e due mesi dal trasferimento in campagna stamattina mi sono ancora sentita dire che no, quelli che passano il monte e vengono da questa parte non sono veri campagnoli, ma "si portano addosso la salsedine tutta la vita". 
Non credo mi daranno mai la cittadinanza campagnola, forse posso provare con la Green Card, chissà.
Eppure ce la metto tutta: mi alzo alle 6 per poter essere davanti alla macchina alle 7 a spalare neve (temperatura registrata stamane: -6°); guido su neve e ghiaccio incurante dei caprioli che attraversano la strada e arrivo perfino puntuale in ufficio; ho dismesso l'abbigliamento à la Totò e Peppino e indosso dei comodi stivali impellicciati (ecologici, naturalmente) che in città chiamerebbero l'ENPA e che qui invece se non ce li hai non sei nessuno; porto a braccia i sacchi di spesa su per lo sterrato, sotto la neve, perchè la macchina è sempre giù sulla provinciale.
Niente da fare: di città ero e di città resto.
Anche perchè noi di città con la neve abbiamo un rapporto strano: appena inizia a nevicare facciamo incetta di sciroppo all'amarena e, ogni pomeriggio, ci affacciamo alla finestra, riempiamo dei gran bicchieroni di neve e facciamo la...GRANITA! 
(ma questo non raccontatelo in giro sennò ci fanno il respingimento e ci rimbalzano nuovamente sul mare).
E' deliziosa e, soprattutto, tiene seduti i bambini per almeno 15 minuti: che volete di più?

13 commenti:

  1. della neve di Torino non mi fido tanto: l'idea è carina, ma non vorrei aavvelenare la famiglia
    :-I

    RispondiElimina
  2. @ MAQuattro: no, bisogna usare solo neve sceltissima, di prima qualità (anche se forse si potrebbe tentare il delitto perfetto...) P.S. Bentornata!

    RispondiElimina
  3. domani la faccio, alla menta perchè è quello che ho in casa!

    RispondiElimina
  4. Anche mia mamma ce la faceva quando eravamo bambini!!
    E' improbabile che la riproponga ai miei figli! peccato!

    RispondiElimina
  5. potresti venderla...un bel banchetto frigo con vari gusti: mandorla, limone, amarena, menta!!! :-D Lella

    RispondiElimina
  6. @ Tri: davvero?! e io che pensavo fosse una genialata dell'inge... Perchè non puoi riproporla? E' gratis! (commento da ex-genovese) Ciao

    @ Lella: venderla a chi?! Qui, a parte Diego e Dora (che peraltro non escono dal loro pollaio) e un paio di caprioli non si vede anima viva!!!! La strage del nevischio... Isolati! Ciao ciao

    RispondiElimina
  7. Prima dovrebbe nevicare un bel pò per ripulire il cielo...
    Qui arriva giù che sembra grigia!
    Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio :(

    RispondiElimina
  8. you're a genius (lascia dire, va, di quelli con salsedine!)

    RispondiElimina
  9. Mia mamma me la faceva con limone e zucchero: una goduria.. ma ora non mi sento di farla con quella di corso europa (sigh!)
    Comunque tutto il mio rispetto... sopratutto per la resistenza alle temperature qui siamo a zero gradi e già ci facciamo scrupoli (più il marito di me) se portare all'asilo il nano ...

    RispondiElimina
  10. @ Silvietta: è l'inge il genius della situation, mica me! Io con la neve, al massimo, ci lavo i vetri!!!!

    @Lara: stamattina -11°, i nani sono a csa da -2° (cioè da lunedì).
    Mi sa che nel we veniamo a svernare giù da voi ;)))

    RispondiElimina
  11. oh, ma questo sì che è un sogno proibito! ;) Mi sa che qui a Torino posso dimenticarmelo ma chissà, in montagna potrebbe riuscirmi. Ma con le ultime temperature registrate...non è che venga voglia di sbaffarsi una fresca granita. Ok, devo solo convincere il termometro a salire sopra lo zero. :)

    RispondiElimina
  12. a saperlo, non ci avevo mai pensato, adesso la neve e zozzerella, ma se nevica di nuovo facciamo la granita

    RispondiElimina
  13. @ Mammaatorino: prova in montagna... sentirai che buona!

    @ Cioccomamma: vedrai che nevica di nuovo ;))) ciao

    RispondiElimina

Ha detto la sua