Pagine

giovedì 19 febbraio 2009

YOGA per tutti

Ieri pomeriggio, armata di rinnovato coraggio, mi sono messa di impegno per iniziare il nuovo "Audiocorso per un parto attivo", della celeberrima Janet Balaskas.
Il corso, su 2 CD da un'ora ciascuno, propone una serie di esercizi di respirazione e yoga leggero, studiati apposta per le gestanti in modo da portarle ad una forma perfetta pronte per un parto naturale.
Ho steso il tappetino a terra, con sopra delle coperte, ho preparato cuscini e supporti morbidi e ho iniziato.
La prima posizione non è che risultasse proprio naturale: seduta per terra con la schiena attaccata al muro e le gambe incrociate, avevo la pancia tutta schiacciata in basso. Il bimbo, naturalmente, a vedersi rimpicciolito lo spazio vitale ha iniziato subito a scalciare come un forsennato.
Ho pensato, vabbè, durerà un paio di minuti...
Macchè, 9 minuti dopo il CD imponeva ancora la stessa posizione, ferma immobile a respirare e visualizzare: una tortura, il bimbo scalciava, io cercavo di rassicurarlo, dai resisti, ancora un attimo, dai che ci fa bene, dai che ci stiamo rilassando (come no, sono tutta un dolore).
Finalmente, al minuto 13 ho pouto allungare una gamba per un po' di strecthing (il bimbo si è messo tutto per lungo, evidentemente sollevato da quel minimo spazio in più).
Intanto i minuti passavano, sempre con la gamba tesa, respira, visualizza, respira, visualizza...
Sono saltata all'esercizio successivo.
Sempre seduta, schiena incollata al muro, gambe tese avanti a me: esercizio di respirazione (ancora?!?). Mettete le mani sull'addome e sentite il respiro che entra ed esce...... (l'unica cosa onestamente sentibile erano i calci spazientiti del bimbo).... immaginate un oceano di pace e silenzio.... (come no, pace soprattutto, con due piedini piantati sui polmoni, in cerca di un po' di spazio).... visualizzate il respiro che entra ed esce lentamente... (lentamente??? ma se sto sbuffando come un mantice?!?).
Finalmente, l'esercizio successivo: con le mani sulla pancia, inspirate ed espirate, inspiraaaaateee e sentite la pancia che si allontana dalle mani.... espiraaaaaaaate e la pancia si riempie di nuovo avvicinandosi alle mani.
Come sarebbe la pancia si allontana e si riempie di nuovo?!?
MA E' GIA' PIENA!!! NON SI PUO' NE' RESTRINGERE NE' RIEMPIRE!!!
Ho spento lo stereo, ho rinfoderato il CD, ho guardato quanto era costato (non troppo) e l'ho messo via.
Ora, scusate, scrivo 2 righe alla Janet:
"Cara Janet,
io non so che tipo di gestanti tu abbia visto fino ad ora, a che mese erano, che pancia avevano, ma ti assicuro che è impossibile all'ottavo mese stare seduta, a gambe incrociate per più di 2 minuti.
Inoltre, ti rivelo un segreto: se c'è un bambino nella pancia, e la riempie tutta, la pancia non può respirare, andando avanti e indietro come se fosse vuota. Incredibile ma vero, anche respirando a pieni polmoni la pancia non si muove.
Spero te ne farai una ragione.
Continua così, sei un faro nel buio della gravidanza di noi tutte.
Ciao".

Nessun commento:

Posta un commento

Ha detto la sua